Torna alla Home di Articoli & Guide
Altre Foto

Il giro dell'isola d'Ischia di Giuseppe Orioli

Giro indipendente dell'isola d'Ischia, Imagaenaria Edizioni Ischia, 2004.

"Ischia è tutto un panorama da ogni parte e basta dare un’occhiata alla carta della provincia di Napoli per rendersene conto". Così Giuseppe Orioli (1884 - 1942) a proposito dell’isola d’Ischia nel suo "Avventure di un libraio" del 1937.

Scrittore, libraio, antiquario, editore, soprattutto viaggiatore, Orioli fu per anni il miglior amico (probabilmente anche l’amante) di Norman Douglas. Insieme allo scrittore inglese (caprese d’adozione), Orioli trascorse due mesi e mezzo sull’isola d’Ischia nell’estate del 1930.

Douglas da quel soggiorno "tirò fuori" il capitolo "Ischia: isola di Tifeo" del celebre "Isole d’estate". Orioli, invece, un itinerario completo dell’isola o meglio - per dirla con le sue stesse parole - un giro "indipendente" dell’isola d’Ischia. Indipendente perchè già allora era evidente che Ischia aveva da offrire molto di più dei consueti "giri" riservati ai turisti.

Orioli con scrittura agile ci racconta delle sue escursioni con Douglas. In barca a Ischia Ponte e un attimo dopo in mezzo alle case e ai vigneti di Piano Liguori, passando per il Santuario della Madonna di Montevergine, la Sgarrupata e la chiesa di San Giorgio al Testaccio. Dal Testaccio poi fino ai Maronti per via Giorgio Corafà, all’epoca unica strada di collegamento tra l’antico borgo di pescatori e la spiaggia più grande dell’isola.


E infatti Orioli non manca di annotarlo:

"Un piacevole sentiero in discesa, quasi tutto a gradini, fabbricato nel 1779, porta alla spiaggia dei Maronti, alla cui estremità giace Sant’Angelo. Quella spiaggia è la più vasta di Ischia e senza dubbio diverrebbe frequentata per i bagni se vi arrivasse una strada carrozzabile. Più volte la costruzione di tale strada è stata progettata, ma il progetto non è stato mai attuato per la difficoltà dovuta a quei profondi ed ampi abissi chiamati ‘cave’ da cui l’isola è solcata un pò dappertutto".
Intanto però Orioli e Douglas dovettero divertirsi moltissimo a percorrere quei profondi abissi. Come Cava Petrella, per arrivare al borgo di Sant’Angelo via Fumarole. Oppure, Cava dell’Acquara, il sentiero che da Cavascura sale fino ai Pizzi Bianchi, e dai Pizzi Bianchi fino al piccolo borgo di Noia.

Le soste sono per le le chiese:
"Nella Chiesa di Forio c’è una statua in oro e argento di San Vito, patrono della città un dono della 'Società degli Ubriachi', che quando il santo viene portato in processione, gli pone in mano alcuni grappoli".
E per le taverne:
"ci sono almeno tre trattorie a Forio. In una di queste vi servono all’aperto, nella pubblica piazza; in un’altra si mangia in una sala semibuia e rembrandtesca; nella terza si passa attraverso una bottega e si esce nel giardino dietro la casa. Tutte e tre sono passabili".
Dopo il cibo e il vino delle osterie foriane, il giro indipendente di Orioli prosegue per Monterone, la Borbonica, La Sentinella e Piazza Marina a Casamicciola, salvo risalire quasi subito al Monte Rotaro e, di lì, alla Fonte di Buceto a Fiaiano.

E siccome tutte le strade portano all’Epomeo
, Orioli ci porta con sè da Casamicciola fin su la cima del gigante dell’isola d’Ischia e poi, a scendere, al piccolo villaggio di Santa Maria al Monte attraverso il bosco di castagni della Falanga.

Due mesi e mezzo di passeggiate con il vantaggio di eliminare molto adipe, senza dover seguire alcun regime alimentare particolare. Soltanto lunghe camminate per il bosco di Zaro, da San Montano fino alla spiaggia di San Francesco di Paola o, di nuovo, verso Santa Maria al Monte. Stavolta via Frassitelli, il bosco di acacie a Serrara Fontana. "Senza dubbio - scrive Orioli - la strada più bella di tutta l’isola, dal punto di vista del panorama". Come dargli torto!

In ultimo il porto di Ischia "tutto circondato da edifici, e con piroscafi, barche da pesca, vapori da carico, motoscafi e qualche volta un panfilo all’ancora". Due mesi e mezzo di vacanza oggi sono un lusso che davvero in pochi possono permettersi, però le "dritte" di Orioli sono ancora attualissime.

Chi desidera davvero conoscere il territorio, insieme ai costumi e alla crema solare, in valigia deve mettere anche l’attrezzatura da trekking. Per scoprire le tante escursioni a Ischia, l’isola più grande e bella del Golfo di Napoli.

Pronto Ischia è un servizio GRATUITO di ricerca e prenotazioni Hotel offerto da:
Secure Viaggi T.O.
Aut. Regione Campania n. 431 del 17/09/08
© Itiner s.n.c. P.Iva e CF: 05706061214
Via Nuova Cartaromana, 125 - 80077 Ischia (Na) Italia. - Tel. +39 081.1975.1975